La questione del diritto in Italia
 

Repubblica di Catalogna

Davide 11 Ott 2017 09:49
Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del
popolo della Catalogna e dei propri politici
che ieri hanno dichiarato la Repubblica di
Catalogna.

Stanno andando fino in fino senza fare passi
indietro, cosa inimmaginabile qui da noi.
Davide 11 Ott 2017 09:52
Il 11/10/2017 09:49, Davide ha scritto:
> Stanno andando fino in fino

Errata corrige : stanno andando fino in FONDO
tinô 11 Ott 2017 10:34
Il 11/10/2017 9:52, Davide ha scritto:
> Il 11/10/2017 09:49, Davide ha scritto:
>> Stanno andando fino in fino
>
> Errata corrige : stanno andando fino in FONDO
>
>
come al solito non hai capito na seg@...
Jamie 11 Ott 2017 14:11
On 11/10/2017 09:52, Davide wrote:
> Il 11/10/2017 09:49, Davide ha scritto:
>> Stanno andando fino in fino
>
> Errata corrige : stanno andando fino in FONDO

Pensa che se tu non avessi fatto l'errore, probabilmente nessuno se ne
sarebbe accorto. Io avevo letto, mentalmente, fondo.
WNC2 11 Ott 2017 15:19
Il 11/10/17 09:49, Davide ha scritto:
> Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del
> popolo della Catalogna e dei propri politici
> che ieri hanno dichiarato la Repubblica di
> Catalogna.
>
> Stanno andando fino in fino senza fare passi
> indietro, cosa inimmaginabile qui da noi.
>
>

per adesso fanno grandi parole e 0 fatti.

quando inizieranno ad importare grosse partite di AK47, avranno iniziato
fare qualcosa.
Il Giusto 11 Ott 2017 15:47
Il 11/10/2017 09:49, Davide ha scritto:
> Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del
> popolo della Catalogna

il popolo della catalogna è un'invenzione
Davide 11 Ott 2017 17:36
Il 11/10/2017 14:11, Jamie ha scritto:
> On 11/10/2017 09:52, Davide wrote:
>> Il 11/10/2017 09:49, Davide ha scritto:
>>> Stanno andando fino in fino
>>
>> Errata corrige : stanno andando fino in FONDO
>
> Pensa che se tu non avessi fatto l'errore, probabilmente nessuno se ne
> sarebbe accorto. Io avevo letto, mentalmente, fondo.
>


Su un newgroup di diritto, visto che la forma e' materia di legge,
e' pericoloso contare solo sull'intuito dei lettori.
Davide 11 Ott 2017 17:39
Il 11/10/2017 15:19, WNC2 ha scritto:
> per adesso fanno grandi parole e 0 fatti.

Come andra' a finire secondo voi ?

Perche' in Italia non succede ?
Yersinia 11 Ott 2017 18:03
Davide wrote on 11/10/2017 09:49:
> Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del popolo della
> Catalogna e dei propri politici che ieri hanno dichiarato la
> Repubblica di Catalogna.
>
> Stanno andando fino in fino senza fare passi indietro, cosa
> inimmaginabile qui da noi.

Tutto meraviglioso, se non per il fatto che una grossa fetta di
catalani, forse addirittura maggioritaria, non ne vuol sapere di
secessioni. Rifaranno il referendum in ogni condominio?
pirex 11 Ott 2017 23:27
Nel suo scritto precedente, Il Giusto ha sostenuto :
> Il 11/10/2017 09:49, Davide ha scritto:
>> Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del
>> popolo della Catalogna
>
> il popolo della catalogna è un'invenzione



figurati quello della Patagna
( x Vittorio alias Davide ed altri mille nick)
Roberto Deboni DMIsr 12 Ott 2017 05:05
On 11/10/17 15:19, WNC2 wrote:
> Il 11/10/17 09:49, Davide ha scritto:
>> Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del
>> popolo della Catalogna e dei propri politici
>> che ieri hanno dichiarato la Repubblica di
>> Catalogna.
>>
>> Stanno andando fino in fino senza fare passi
>> indietro, cosa inimmaginabile qui da noi.
>>
>>
>
> per adesso fanno grandi parole e 0 fatti.
>
> quando inizieranno ad importare grosse partite di AK47, avranno iniziato
> fare qualcosa.

Se Lussemburgo e San Marino possono esistere senza
AK47, perche' non la Catalogna ?
Certo che se la Spagna esterna la sua anima fascista ...
Roberto Deboni DMIsr 12 Ott 2017 05:06
On 11/10/17 18:03, Yersinia wrote:
> Davide wrote on 11/10/2017 09:49:
>> Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del popolo della
>> Catalogna e dei propri politici che ieri hanno dichiarato la
>> Repubblica di Catalogna.
>>
>> Stanno andando fino in fino senza fare passi indietro, cosa
>> inimmaginabile qui da noi.
>
> Tutto meraviglioso, se non per il fatto che una grossa fetta di
> catalani, forse addirittura maggioritaria, non ne vuol sapere di
> secessioni. Rifaranno il referendum in ogni condominio?

Sulla base di questo criterio, e' da molto tempo che
l'Italia e' governata in modo illegale ...
tinô 12 Ott 2017 07:26
Il 12/10/2017 5:05, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>
> Se Lussemburgo e San Marino possono esistere senza
> AK47, perche' non la Catalogna ?
> Certo che se la Spagna esterna la sua anima fascista ..
quindi anche il Veneto e la Lombardia..
hai appena dato dei fascisti ai piddini italici

te lo dicono tutti... lo sei!
WNC2 12 Ott 2017 11:54
Il 12/10/17 05:05, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On 11/10/17 15:19, WNC2 wrote:
>> Il 11/10/17 09:49, Davide ha scritto:
>>> Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del
>>> popolo della Catalogna e dei propri politici
>>> che ieri hanno dichiarato la Repubblica di
>>> Catalogna.
>>>
>>> Stanno andando fino in fino senza fare passi
>>> indietro, cosa inimmaginabile qui da noi.
>>>
>>>
>>
>> per adesso fanno grandi parole e 0 fatti.
>>
>> quando inizieranno ad importare grosse partite di AK47, avranno iniziato
>>  fare qualcosa.
>
> Se Lussemburgo e San Marino possono esistere senza
> AK47, perche' non la Catalogna ?
> Certo che se la Spagna esterna la sua anima fascista ...
>
>

Parli di due stati assolutamente indipendenti, la catalogna è tutt'altro
che indipendente, è una regione della Spagna sebbene a statuto speciale,
come la sicilia è una regione italiana.


Quindi un esempio più imbecille non lo potevi fare.


se vuoi fare sfoggio di cultura, (la tua si ferma alle lampadine a LED),
puoi parlare di irlanda del nord e paesi baschi per esempio, dove
stranamente gli AK47 andavano alla grande, ma che comunque non sono
diventati lo stesso indipendenti....
Roberto Deboni DMIsr 12 Ott 2017 15:22
On 12/10/17 11:54, WNC2 wrote:
> Il 12/10/17 05:05, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> On 11/10/17 15:19, WNC2 wrote:
>>> Il 11/10/17 09:49, Davide ha scritto:
>>>> Mi meraviglia il coraggio e la perseveranza del
>>>> popolo della Catalogna e dei propri politici
>>>> che ieri hanno dichiarato la Repubblica di
>>>> Catalogna.
>>>>
>>>> Stanno andando fino in fino senza fare passi
>>>> indietro, cosa inimmaginabile qui da noi.
>>>>
>>>>
>>>
>>> per adesso fanno grandi parole e 0 fatti.
>>>
>>> quando inizieranno ad importare grosse partite di AK47, avranno iniziato
>>> fare qualcosa.
>>
>> Se Lussemburgo e San Marino possono esistere senza
>> AK47, perche' non la Catalogna ?
>> Certo che se la Spagna esterna la sua anima fascista ...
>>
>>
>
> Parli di due stati assolutamente indipendenti, la catalogna è tutt'altro
> che indipendente, è una regione della Spagna sebbene a statuto speciale,
> come la sicilia è una regione italiana.

Duro come il coccio ... (i "paralleli" ...).

> se vuoi fare sfoggio di cultura, (la tua si ferma alle lampadine a LED),
> puoi parlare di irlanda del nord e paesi baschi per esempio, dove
> stranamente gli AK47 andavano alla grande, ma che comunque non sono
> diventati lo stesso indipendenti....

Mi cita fonti sulla dichiarazione di indipendenza dei Paesi Baschi ?
WNC2 12 Ott 2017 15:25
Il 12/10/17 15:22, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:

>> Parli di due stati assolutamente indipendenti, la catalogna è tutt'altro
>> che indipendente, è una regione della Spagna sebbene a statuto speciale,
>> come la sicilia è una regione italiana.
>
> Duro come il coccio ... (i "paralleli" ...).
>
>> se vuoi fare sfoggio di cultura, (la tua si ferma alle lampadine a LED),
>> puoi parlare di irlanda del nord e paesi baschi per esempio, dove
>> stranamente gli AK47 andavano alla grande, ma che comunque non sono
>> diventati lo stesso indipendenti....
>
> Mi cita fonti sulla dichiarazione di indipendenza dei Paesi Baschi ?


ti dico una parolina magica: ETA

oltre 800 morti a memoria, per adesso in catalogna qualche livido
Roberto Deboni DMIsr 12 Ott 2017 17:39
On 12/10/17 15:25, WNC2 wrote:
> Il 12/10/17 15:22, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>
>>> Parli di due stati assolutamente indipendenti, la catalogna è tutt'altro
>>> che indipendente, è una regione della Spagna sebbene a statuto speciale,
>>> come la sicilia è una regione italiana.
>>
>> Duro come il coccio ... (i "paralleli" ...).
>>
>>> se vuoi fare sfoggio di cultura, (la tua si ferma alle lampadine a LED),
>>> puoi parlare di irlanda del nord e paesi baschi per esempio, dove
>>> stranamente gli AK47 andavano alla grande, ma che comunque non sono
>>> diventati lo stesso indipendenti....
>>
>> Mi cita fonti sulla dichiarazione di indipendenza dei Paesi Baschi ?
>
>
> ti dico una parolina magica: ETA

So benissimo chi sono. Ma non mi risulta che siano
mai stati appoggiati da una decisione referendaria
e successiva delibera parlamentare.

E' vero che sotto il generalissimo non c'era alcuna
possibilita' di partenza, e quindi l'ETA va
inserita piu' un contesto di lotta anti-fascista.

> oltre 800 morti a memoria,

Molto meno.

> per adesso in catalogna qualche livido

Si spera bene che non si vada oltre, dato che si sono
espressi in modo assolutamente democratico, mentre la
Spagna si e' tirata addosso la riprovazione di tutto il
mondo per il metodo usato. (manganello)

<https://www.theguardian.com/commentisfree/2017/oct/03/catalan-spanish-european-mariano-rajoy-memories-civil-war>

Irene Baque: io ero catalana, spagnola ed europea,
ma Mariano Rajoy ha messo in gioco tutto questo.

"Domenica ho visto gente innocente picchiata, tirata
per i capelli, gettata giu' dalle scale, solo perche'
cercavano di esprimere la loro opinione con una scheda
elettorale."

Gente della sua terra che potevano essere vicini di
casa, amici di scuola.

Vivendo nel Regno Unito, e come critica del BREXIT,
non potevo accettare l'idea della secessione.
Rispetto l'idea del referendum, ma non credo che
l'indipendenza sia la soluzione dei problemi
catalani. Ma questo fino a domenica.
Ora che ho visto la mano oppressiva del governo
spagnolo, dove rimango ?

In pratica, la sig.ra continua concludendo che non si
tratta piu' di una questione di confini o bandiere
(che la lasciano indifferente) o di cultura.
La questione e' diventata di "liberta'" verso
"opressione". E francamente non mi meraviglia che una UE
basata sulla logica del Gran Consig... opps, intendevo
di una Commissione Europea con potere totalitario fatta
di non eletti, abbia preso le parti del potere
oppressivo.

"But in the week leading to referendum day, the Spanish
government’s reaction changed my mind. It felt like this
was no longer about nationalism but about democracy and
free speech."

E la storia si ripete, tracciando sempre piu' il
parallelo con il 1900. Pare che salteremo un primo
conflitto mondiale (1915-18), per passare prima del
previsto al conflitto spagnolo. Tra un anno ci troveremo
a partire volontari per aiutare la repubblica catalana
a difendersi dall'aggressione dei fascisti spagnoli,
aiutati da forze paramilitari fasciste italiane e
tedesche ?

Ma quanto deve essere stupida la gente a ripetere la
storia ? Forse i fascisti in Germania ed Italia credono
di potere ******* nuovamente di un ventennio da vivere
a modo loro e perseguitare chi si oppone.
Ma sospetto e temo per loro, che i tempi potrebbero
essere piu' accelerati. O in una versione nuova della
notte dei lunghi coltelli, scoprire di essere stati
sorpassati sinistramente ancora a piu' a destra ...

Chi di certi giochi colpisce, di certi giochi perisce.
WNC2 12 Ott 2017 18:45
Il 12/10/17 17:39, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On 12/10/17 15:25, WNC2 wrote:
>> Il 12/10/17 15:22, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>
>>>> Parli di due stati assolutamente indipendenti, la catalogna è
>>>> tutt'altro
>>>> che indipendente, è una regione della Spagna sebbene a statuto
>>>> speciale,
>>>> come la sicilia è una regione italiana.
>>>
>>> Duro come il coccio ... (i "paralleli" ...).
>>>
>>>> se vuoi fare sfoggio di cultura, (la tua si ferma alle lampadine a
>>>> LED),
>>>> puoi parlare di irlanda del nord e paesi baschi per esempio, dove
>>>> stranamente gli AK47 andavano alla grande, ma che comunque non sono
>>>> diventati lo stesso indipendenti....
>>>
>>> Mi cita fonti sulla dichiarazione di indipendenza dei Paesi Baschi ?
>>
>>
>> ti dico una parolina magica: ETA
>
> So benissimo chi sono. Ma non mi risulta che siano
> mai stati appoggiati da una decisione referendaria
> e successiva delibera parlamentare.


ma il parlamento catalano è come una regione a statuto speciale
italiana, non può fare NULLA a livello indipendenza, potrà (forse)
indire un referendum su questioni locali, se vogliono cambiare capoluogo
forse.


si diventa indipendenti in 2 modi:
1) sei un peso e ti regalano l'indipendenza.
2) rivoluzione o guerra d'indipendenza


Se poi magari sei in grado di indicarci un precedente di indipendenza
ottenuta tramite un referendum, te ne siamo tutti grati.
Roberto Deboni DMIsr 13 Ott 2017 04:16
On 12/10/17 18:45, WNC2 wrote:
> Il 12/10/17 17:39, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> On 12/10/17 15:25, WNC2 wrote:
>>> Il 12/10/17 15:22, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>>
>>>>> Parli di due stati assolutamente indipendenti, la catalogna è
>>>>> tutt'altro
>>>>> che indipendente, è una regione della Spagna sebbene a statuto
>>>>> speciale,
>>>>> come la sicilia è una regione italiana.
>>>>
>>>> Duro come il coccio ... (i "paralleli" ...).
>>>>
>>>>> se vuoi fare sfoggio di cultura, (la tua si ferma alle lampadine a
>>>>> LED),
>>>>> puoi parlare di irlanda del nord e paesi baschi per esempio, dove
>>>>> stranamente gli AK47 andavano alla grande, ma che comunque non sono
>>>>> diventati lo stesso indipendenti....
>>>>
>>>> Mi cita fonti sulla dichiarazione di indipendenza dei Paesi Baschi ?
>>>
>>>
>>> ti dico una parolina magica: ETA
>>
>> So benissimo chi sono. Ma non mi risulta che siano
>> mai stati appoggiati da una decisione referendaria
>> e successiva delibera parlamentare.
>
>
> ma il parlamento catalano è come una regione a statuto speciale
> italiana, non può fare NULLA a livello indipendenza, potrà (forse)
> indire un referendum su questioni locali, se vogliono cambiare capoluogo
> forse.
>
>
> si diventa indipendenti in 2 modi:
> 1) sei un peso e ti regalano l'indipendenza.
> 2) rivoluzione o guerra d'indipendenza
>
>
> Se poi magari sei in grado di indicarci un precedente di indipendenza
> ottenuta tramite un referendum, te ne siamo tutti grati.

Costa Rica e proprio verso la Spagna.
Ma dopotutto Costa Rica e' anche una delle poche nazioni
senza esercito, abolito nel 1949, dopo una breve guerra civile.
Ed ha funzionato, senza l'esercito, la democrazia in Costa
Rica e' notoriamente stabile, anche forse per l'alta presenza
di bianchi con una elevata scolarizzazione ed educazione, la
maggior parte dei quali parla inglese (quindi hanno proprio
il tipo di cultura democratica di tipo anglosassone).

Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.
Roberto Tagliaferri 13 Ott 2017 08:13
Roberto Deboni DMIsr wrote:


> Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
> chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
> Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
> indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.

Sicuro sicuro?
E' vero che wiki non è sicuramente la bibbia ma dicono cose leggermente
diverse

--
Roberto Tagliaferri-Linux user #30785 <-> r.tagliaferri@(forse)tosnet.it
www.robyt.eu
WNC2 13 Ott 2017 09:58
Il 13/10/17 04:16, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On 12/10/17 18:45, WNC2 wrote:
>> Il 12/10/17 17:39, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>> On 12/10/17 15:25, WNC2 wrote:
>>>> Il 12/10/17 15:22, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>>>
>>>>>> Parli di due stati assolutamente indipendenti, la catalogna è
>>>>>> tutt'altro
>>>>>> che indipendente, è una regione della Spagna sebbene a statuto
>>>>>> speciale,
>>>>>> come la sicilia è una regione italiana.
>>>>>
>>>>> Duro come il coccio ... (i "paralleli" ...).
>>>>>
>>>>>> se vuoi fare sfoggio di cultura, (la tua si ferma alle lampadine a
>>>>>> LED),
>>>>>> puoi parlare di irlanda del nord e paesi baschi per esempio, dove
>>>>>> stranamente gli AK47 andavano alla grande, ma che comunque non sono
>>>>>> diventati lo stesso indipendenti....
>>>>>
>>>>> Mi cita fonti sulla dichiarazione di indipendenza dei Paesi Baschi ?
>>>>
>>>>
>>>> ti dico una parolina magica: ETA
>>>
>>> So benissimo chi sono. Ma non mi risulta che siano
>>> mai stati appoggiati da una decisione referendaria
>>> e successiva delibera parlamentare.
>>
>>
>> ma il parlamento catalano è come una regione a statuto speciale
>> italiana, non può fare NULLA a livello indipendenza, potrà (forse)
>> indire un referendum su questioni locali, se vogliono cambiare capoluogo
>> forse.
>>
>>
>> si diventa indipendenti in 2 modi:
>> 1) sei un peso e ti regalano l'indipendenza.
>> 2) rivoluzione o guerra d'indipendenza
>>
>>
>> Se poi magari sei in grado di indicarci un precedente di indipendenza
>> ottenuta tramite un referendum, te ne siamo tutti grati.
>
> Costa Rica e proprio verso la Spagna.
> Ma dopotutto Costa Rica e' anche una delle poche nazioni
> senza esercito, abolito nel 1949, dopo una breve guerra civile.
> Ed ha funzionato, senza l'esercito, la democrazia in Costa
> Rica e' notoriamente stabile, anche forse per l'alta presenza
> di bianchi con una elevata scolarizzazione ed educazione, la
> maggior parte dei quali parla inglese (quindi hanno proprio
> il tipo di cultura democratica di tipo anglosassone).
>
> Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
> chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
> Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
> indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.
>

leggi le cose come ti fa comodo, la spagna non c'entrava più nulla già
da tempo.

studiati la guerra d'indipendenza messicana (guarda caso) e poi ripassa
Roberto Deboni DMIsr 13 Ott 2017 14:15
On 13/10/17 08:13, Roberto Tagliaferri wrote:
> Roberto Deboni DMIsr wrote:
>
>
>> Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
>> chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
>> Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
>> indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.
>
> Sicuro sicuro?
> E' vero che wiki non è sicuramente la bibbia ma dicono cose leggermente
> diverse

Mi cita l'indirizzo della sua fonte ?
Roberto Deboni DMIsr 13 Ott 2017 14:15
On 13/10/17 09:58, WNC2 wrote:
>
> Il 13/10/17 04:16, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> On 12/10/17 18:45, WNC2 wrote:
>>> Il 12/10/17 17:39, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>>> On 12/10/17 15:25, WNC2 wrote:
>>>>> Il 12/10/17 15:22, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>>>>
>>>>>>> Parli di due stati assolutamente indipendenti, la catalogna è
>>>>>>> tutt'altro
>>>>>>> che indipendente, è una regione della Spagna sebbene a statuto
>>>>>>> speciale,
>>>>>>> come la sicilia è una regione italiana.
>>>>>>
>>>>>> Duro come il coccio ... (i "paralleli" ...).
>>>>>>
>>>>>>> se vuoi fare sfoggio di cultura, (la tua si ferma alle lampadine a
>>>>>>> LED),
>>>>>>> puoi parlare di irlanda del nord e paesi baschi per esempio, dove
>>>>>>> stranamente gli AK47 andavano alla grande, ma che comunque non sono
>>>>>>> diventati lo stesso indipendenti....
>>>>>>
>>>>>> Mi cita fonti sulla dichiarazione di indipendenza dei Paesi Baschi ?
>>>>>
>>>>>
>>>>> ti dico una parolina magica: ETA
>>>>
>>>> So benissimo chi sono. Ma non mi risulta che siano
>>>> mai stati appoggiati da una decisione referendaria
>>>> e successiva delibera parlamentare.
>>>
>>>
>>> ma il parlamento catalano è come una regione a statuto speciale
>>> italiana, non può fare NULLA a livello indipendenza, potrà (forse)
>>> indire un referendum su questioni locali, se vogliono cambiare capoluogo
>>> forse.
>>>
>>>
>>> si diventa indipendenti in 2 modi:
>>> 1) sei un peso e ti regalano l'indipendenza.
>>> 2) rivoluzione o guerra d'indipendenza
>>>
>>>
>>> Se poi magari sei in grado di indicarci un precedente di indipendenza
>>> ottenuta tramite un referendum, te ne siamo tutti grati.
>>
>> Costa Rica e proprio verso la Spagna.
>> Ma dopotutto Costa Rica e' anche una delle poche nazioni
>> senza esercito, abolito nel 1949, dopo una breve guerra civile.
>> Ed ha funzionato, senza l'esercito, la democrazia in Costa
>> Rica e' notoriamente stabile, anche forse per l'alta presenza
>> di bianchi con una elevata scolarizzazione ed educazione, la
>> maggior parte dei quali parla inglese (quindi hanno proprio
>> il tipo di cultura democratica di tipo anglosassone).
>>
>> Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
>> chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
>> Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
>> indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.
>>
>
> leggi le cose come ti fa comodo, la spagna non c'entrava più nulla già
> da tempo.
>
> studiati la guerra d'indipendenza messicana (guarda caso) e poi ripassa

Suppongo che mi possa citare qualche fonte.
WNC2 13 Ott 2017 17:05
>>> Costa Rica e proprio verso la Spagna.
>>> Ma dopotutto Costa Rica e' anche una delle poche nazioni
>>> senza esercito, abolito nel 1949, dopo una breve guerra civile.
>>> Ed ha funzionato, senza l'esercito, la democrazia in Costa
>>> Rica e' notoriamente stabile, anche forse per l'alta presenza
>>> di bianchi con una elevata scolarizzazione ed educazione, la
>>> maggior parte dei quali parla inglese (quindi hanno proprio
>>> il tipo di cultura democratica di tipo anglosassone).
>>>
>>> Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
>>> chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
>>> Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
>>> indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.
>>>
>>
>> leggi le cose come ti fa comodo, la spagna non c'entrava più nulla già
>> da tempo.
>>
>> studiati la guerra d'indipendenza messicana (guarda caso) e poi ripassa
>
> Suppongo che mi possa citare qualche fonte.
>

Nel 1821 le Americhe si liberarono del giogo imperiale spagnolo, quando
la guerra d’indipendenza messicana si concluse con successo e coinvolse
anche le altre colonia dell’America Centrale nel primo effimero, Impero
Messicano. Le colonie che da poco avevano ottenuto la libertà iniziarono
a riflettere sul proprio destino, cioè se riunirsi o meno in una
federazione di stati dell’America Centrale, seguendo il modello
statunitense. Nel frattempo, un Costa Rica indipendente stava
forgiandosi sotto la guida del liberale Juan Mora Fernández, primo capo
di stato (1824-33), che si impegnò a dare basi più solide alla neonata
nazione, attraverso la costruzione di nuove città e infrastrutture
varie, la pubblicazione di un giornale e il conio della moneta.


http://www.visitcostarica.it/8349-2/


--
WNC2 - World Nutrition Center 2 - Integratori per lo sport
ONLINE STORE: www.wnc2.biz - Tel. 0185-599135
Num. Verde: 800-134727 (da rete fissa) - SKYPE: wnc2.biz
Roberto Deboni DMIsr 13 Ott 2017 20:38
On 13/10/17 17:05, WNC2 wrote:
>
>>>> Costa Rica e proprio verso la Spagna.
>>>> Ma dopotutto Costa Rica e' anche una delle poche nazioni
>>>> senza esercito, abolito nel 1949, dopo una breve guerra civile.
>>>> Ed ha funzionato, senza l'esercito, la democrazia in Costa
>>>> Rica e' notoriamente stabile, anche forse per l'alta presenza
>>>> di bianchi con una elevata scolarizzazione ed educazione, la
>>>> maggior parte dei quali parla inglese (quindi hanno proprio
>>>> il tipo di cultura democratica di tipo anglosassone).
>>>>
>>>> Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
>>>> chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
>>>> Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
>>>> indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.
>>>>
>>>
>>> leggi le cose come ti fa comodo, la spagna non c'entrava più nulla già
>>> da tempo.
>>>
>>> studiati la guerra d'indipendenza messicana (guarda caso) e poi ripassa
>>
>> Suppongo che mi possa citare qualche fonte.
>>
>
> Nel 1821 le Americhe si liberarono del giogo imperiale spagnolo, quando
> la guerra d’indipendenza messicana si concluse con successo e coinvolse
> anche le altre colonia dell’America Centrale nel primo effimero, Impero
> Messicano. Le colonie che da poco avevano ottenuto la libertà iniziarono
> a riflettere sul proprio destino, cioè se riunirsi o meno in una
> federazione di stati dell’America Centrale, seguendo il modello
> statunitense. Nel frattempo, un Costa Rica indipendente stava
> forgiandosi sotto la guida del liberale Juan Mora Fernández, primo capo
> di stato (1824-33), che si impegnò a dare basi più solide alla neonata
> nazione, attraverso la costruzione di nuove città e infrastrutture
> varie, la pubblicazione di un giornale e il conio della moneta.
>
>
> http://www.visitcostarica.it/8349-2/

Mi scusi, e questa sarebbe la sua fonte reputabile ?
ROTFL ... :-)

Gia' che ci siamo, gli dica di imparare l'italiano :-)

"A partire dalla metà del XX secolo però, il Costa Rica ha prodotto
una radicale *censura* rispetto alle nazioni intorno, abolendo
l’esercito ..."

Il webmaster o chi ha scritto sotto dettatura o leggendo gli
appunti, evidentemente non ha curato la semantica di quello
che scriveva, altrimenti si sarebbe accorto che non aveva
senso. Leggendo invece (anche perche' conoscevo la storia
del Costa Rica, gia' da ieri ...) ho realizzato subito il
significato corretto:

"A partire dalla metà del XX secolo però, il Costa Rica ha prodotto
una radicale *CESURA* rispetto alle nazioni intorno, abolendo
l’esercito ..."

Suppongo che tutti sappiamo cosa significa censura, percio'
mi limito a:

<http://www.treccani.it/vocabolario/cesura/>
<https://dizionario-online.net/sinonimi/cesura.html>

Scrivete al webmaster, per pieta' verso di lui.

"Nel 1821 le Americhe si liberarono del giogo imperiale
spagnolo, quando la guerra d’indipendenza messicana si
concluse con successo e coinvolse anche le altre colonia
dell’America Centrale nel primo effimero, Impero Messicano."

La seconda parte non corrisponde al vero. Non c'e' stato
nessun collegamento tra Citta' del Messico ed una
qualsiasi delle localita' del Costa Rica, nessun regente,
governatore o altro. E' indubbiamente vero che il vuoto
di potere creato dalla rivolta messicana ha agevolato al
Costa Rica il passaggio all'indipendenza. Senza colpo
ferire per la semplice ragione che i messicani neanche
erano interessati al Costa Rica, che pensavano povero
e destinati a sparire sotto la giungla dopo poco tempo.

E la dichiarazione della indipendenza, indisputata
da alcuna forza nel mondo del tempo, e' datata 1821.
Punto.

E' invece vero che, dopo due anni di indipendenza,
nel 1823 finalmente si formo' in Costa Rica il primo
Congresso con parlamentari delle quattro maggiori citta'
della Valle Centrale:

Cartago (capitale), Heredia, San Jose e Alajuela

Localismi e personalismi portarono ad una confrontazione
tra le due citta' piu' conservatrici (Cartago ed Heredia)
che volevano aderire al Primo Impero Messicano, e tra
le altre due citta', San Jose e Alajuela, che invece
erano fortemente liberali e repubblicani (come detto,
con una forte influenza anglosassone) e preferivano
aderire alla nuova federazione Centroamericana.
Ovviamente, come sempre, quando il pensiero anglosassoni
e latino vengono allo scontro frontale, chi vince ?
Mentre gli imperialisti pensavano semplicemente di attendere
gli eventi, forti di una forza militare doppia e con
il pos***** delle armi lasciate dalla dominazione
spagnola (Cartago era la capitale regionale, ricordate),
i liberali non ci pensarono su, ed in meno di un
migliaio passarono subito all'attacco, sotto la guida
di Gregorio Jose Ramirez di Castro. Risparmio la
descrizione della battaglia di Ochomogo (aprile 1823),
ma sostanzialmente e' la vittoria di chi combatteva con
la convinzione di volere la liberta', contro un numero
doppio di poveri "peones" che dovevano difendere i
privilegi degli ex-latifondisti spagnoli.
Vinsero i repubblicani.
Interessante osservare, come a differenza della storia
messicana e di altri stati latino-americani, il capo
Gregorio Jose Ramirez, dopo la vittoria, restitui
subito il potere al gabinetto di governo (invece di
nominarsi "generalissimo" o cose del genere - ancora
una volta rimarco la diversa cultura anglosassone in
queste questioni di potere) che dopo un interinato
fino al 1824, poi elesse Juan Mora Fernández come primo
capo di stato democraticamente eletto. Tipografia di
Stato, Tesoro, Scuola superiore ed Universita', furono
create o riformate, e nel 1825 fu promulgata la
Costituzione, la Legge Fondamentale dello Stato Libero
del Costa Rica.

Quindi non c'e' stata alcuna guerra di indipendenza,
ma semmai una breve guerra civile tra gli ex nobili
spagnoli e latifondisti che speravano di potere
mantenere i privilegi di cui godevano sotto l'impero
spagnolo tramite una prosecuzione di una simile
struttura politica con l'adesione all Primo Impero
Messicano di Agustín de Iturbide. E contro i mercati
liberali di San Jose, cresciuti dai mercati della
locale fabbrica di tabacco (portata dal governo
spagnolo nel 1784 a San Jose) ed ampliatisi ad altri
settori di commercio. Quindi, subito dopo la
dichiarazione di indipendenza, le due fazioni
persero oltre un anno a bisticciare su quale futuro
per la neonata nazione, fino a quando, nel marzo
del 1823, dato che la Giunta costaricana, ancora non
aveva dichiarato l'atto di lealta' verso l'imperatore
Agustín de Iturbide, sottomettendosi cosi' al nuovo
impero, gli imperialisti di Cartago e Heredia si
misero d'accordo per rovesciare la Giunta al governo.
Il 29 marzo 1823, svariati signorotti di Cartago,
guidati da Joaquin de Oreamuno and Muñoz de la
Trinidad, presero il controllo dell'armeria locale
ed iniziarono il primo colp di stato della storia
di Costa Rica (quindi un "golpe" e non una guerra
di indipendenza !!!). Essi proclamarono
l'annessione del Costa Rica al Primo Impero
Messicano. La questione, era pero' che questa era
solo una proclamazione, poi si trattava di applicarla.
Solo che i "capitalisti" di San Jose ed Alajuela
reagirono come citato sopra ed il golpe ed ipotesi
di annessione imperiale sfumarono nel giro di 6 giorni,
con la schiacciante sconfitta del 5 aprile 1823.
PS: durante la battaglia gli imperialisti, quando
avvene il primo sbandamento chiesero la tregua.
I repubblicani, consci della loro inferiorita'
numerica, si guardarono bene dall'accettarla, e
spinsero a fondo gli attacchi fino a quando
mandarono in rotta tutto l'esercito degli imperialisti,
catturando l'unico (pare) cannone e le armi dei
golpisti. Naturalmente nella storia passano come
"golpisti" solo perche' hanno perso. Se avessero
vinto, Cartago sarebbe ancora al capitale del
Costa Rica ed i golpisti sarebbero passati come
fedeli sostenitori della causa imperiale.
Naturalmente si puo' anche fare revisionismo storico
giocando sui "se'" ... e' il suo caso ?


Come ho fatto a scoprire tutto questo ?

Semplicemento scegliendo le fonti piu' vicine alle
vicende del Costa Rica, cioe' quelle spagnole.
Provincialotti ... ci voleva cosi' poco per evitare
la solita figuraccia ...

C'e' anche la descrizione della battaglia di Ochomogo
ed ovviamente le fonti a cui attingere per la storia:

Cartilla Histórica de Costa Rica. EUNED. 2005. ISBN 9789968313759

Alarmvogel (1966). Apuntes para la historia de la ciudad de Alajuela.
San José, Costa Rica: Impr. Nacional. OCLC 14462048

Obregón Loría, Rafael. "Hechos Militares y Políticos de Nuestra Historia
Patria". Museo Histórico Cultural Juan Santamaría, Costa Rica, 1981

Trovati riferimenti, nomi e titoli, si trova tutto il
resto, come:

<https://books.google.it/books?id=WNo50uxIy_gC&printsec=frontcover&dq=Cartilla+Hist%C3%B3rica+de+Costa+Rica&hl=en&sa=X&redir_esc=y#v=onepage&q=Cartilla%20Hist%C3%B3rica%20de%20Costa%20Rica&f=false>

ad esempio, a pag.75, etc.

e petegolezzi vari, come la storiella del mulo traditore.
Si, ho notato, c'e' qualche discrepanza, sembra quasi
che sia storia orale, ma insomma, il succo pero' coincide.
Del resto, e' plausibile che a quei tempi, con collegamenti
"perigliosi", i messicani non erano interessati al Costa Rica,
che era tutto meno che "ricca".
Roberto Tagliaferri 16 Ott 2017 10:22
Roberto Deboni DMIsr wrote:

> On 13/10/17 08:13, Roberto Tagliaferri wrote:
>> Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>
>>
>>> Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
>>> chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
>>> Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
>>> indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.
>>
>> Sicuro sicuro?
>> E' vero che wiki non è sicuramente la bibbia ma dicono cose leggermente
>> diverse
>
> Mi cita l'indirizzo della sua fonte ?
Come detto non è necessariamente la bibbia
https://it.wikipedia.org/wiki/Costa_Rica#Colonia_spagnola
Da quello che leggo è stato il messico che ha dichiarato l'indipendenza,
cosa che ha coinvolto tutto il centro america.

--
Roberto Tagliaferri-Linux user #30785 <-> r.tagliaferri@(forse)tosnet.it
www.robyt.eu
WNC2 16 Ott 2017 10:38
Il 16/10/17 10:22, Roberto Tagliaferri ha scritto:
> Roberto Deboni DMIsr wrote:
>
>> On 13/10/17 08:13, Roberto Tagliaferri wrote:
>>> Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>
>>>
>>>> Nel 1821, Il governatore convoco una assemblea aperta,
>>>> chiedendo alla popolazione della capitale cosa scegliere.
>>>> Dopo discussione, la decisione fu "indipendenza!" ed
>>>> indipendenza fu'. La Spagna non reagi'.
>>>
>>> Sicuro sicuro?
>>> E' vero che wiki non è sicuramente la bibbia ma dicono cose leggermente
>>> diverse
>>
>> Mi cita l'indirizzo della sua fonte ?
> Come detto non è necessariamente la bibbia
> https://it.wikipedia.org/wiki/Costa_Rica#Colonia_spagnola
> Da quello che leggo è stato il messico che ha dichiarato l'indipendenza,
> cosa che ha coinvolto tutto il centro america.
>

poi sai i referendum nell'800 erano all'ordine del giorno, il famoso
"suffragio universale" :-)

se avessero votato i requisti sarebbero stati:
- maschio
- nobile
- alfabetizzato
- possidente terriero
- almeno 100 schiavi

avrebbero avuto diritto al voto in 7 forse :-)

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La questione del diritto in Italia | Tutti i gruppi | it.diritto | Notizie e discussioni diritto | Diritto Mobile | Servizio di consultazione news.