La questione del diritto in Italia
 

cessiona gratuita dei diritti d'autore

lucio 15 Mag 2017 22:23
L'istat ha bandito un "concorso di idee"
(http://www.istat.it/it/informazioni/per-studenti-e-docenti/concorsi-e-premi/playstat):

ogni partecipante può presentare l’idea di una app per smartphone o un
gioco per pc; i due migliori progetti verranno premiati e poi verranno
realizzati e diffusi al grande pubblico a cura dell'ente stesso.

Io stavo realizzando da me un semplice gioco a carattere statistico e la
notizia di questo concorso mi ha fatto venire la voglia di partecipare,
più che altro per farmi conoscere (il premio è quasi simbolico, un
tablet) e per vedere realizzata una idea che con le mie sole forze
concluderei in mesi se non anni di lavoro a tempo perso.

Però il bando del concorso recita: "La partecipazione al Concorso di
idee PlayStat. La statistica che diverte! comporta la totale
accettazione del presente regolamento e l’automatica cessione a titolo
gratuito di tutti i diritti d’autore e connessi al suo esercizio sulle
opere presentate, fatta salva la paternità delle opere." e la cosa mi
infastidisce.

Non avevo alcuna idea di trarre un profitto economico dal mio gioco,
quindi non avrei difficoltà a cedere i diritti all'Istat nel caso si
prendesse l'onere di curarne la realizzazione, ciò che mi secca è che
con la sola partecipazione io rinuncerei ai diritti della mia idea e
quindi in caso di mancata vittoria non potrei più continuare a
svilupparla da solo. Se le cose stanno così, rinuncio a parteciparvi.

Ciò che mi chiedo però è: è normale una dicitura del genere? in tutti i
concorsi di questo genere si cedono i diritti delle proprie idee? Che
convenienza si avrebbe a partecipare? O quello che ho esposto è un caso
anomalo?
Nedo 15 Mag 2017 22:49
Il 15/05/2017 22:23, lucio ha scritto:

>
> Non avevo alcuna idea di trarre un profitto economico dal mio gioco,
> quindi non avrei difficoltà a cedere i diritti all'Istat nel caso si
> prendesse l'onere di curarne la realizzazione, ciò che mi secca è che
> con la sola partecipazione io rinuncerei ai diritti della mia idea e
> quindi in caso di mancata vittoria non potrei più continuare a
> svilupparla da solo. Se le cose stanno così, rinuncio a parteciparvi.
>
> Ciò che mi chiedo però è: è normale una dicitura del genere? in tutti i
> concorsi di questo genere si cedono i diritti delle proprie idee? Che
> convenienza si avrebbe a partecipare? O quello che ho esposto è un caso
> anomalo?

lo faceva anche il mio ex datore di lavoro

tu sei libero di partecipare o no.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La questione del diritto in Italia | Tutti i gruppi | it.diritto | Notizie e discussioni diritto | Diritto Mobile | Servizio di consultazione news.