La questione del diritto in Italia
 

Patto di non concorrenza

_merlinO_ 17 Mag 2017 14:47
Curiosità... Mario Rossi vende la sua impresa. L'acquirente teme che il
venditore possa fargli concorrenza, per cui nell'atto di vendita redatto
dal notaio viene scritto che Rossi non potrà più svolgere quell'attività
in un raggio di 50km dall'impresa venduta. La condizione è accettata e
sottoscritta da entrambe le parti. Questo patto non è monetizzato, nessun
indennizzo viene dato a Rossi per bilanciare.
Poichè il patto di non concorrenza è oneroso, non essendo monetizzato non
dovrebbe avere valore, benché compaia nell'atto notarile. Vero o falso?
_merlinO_ 17 Mag 2017 15:02
Roberto Deboni DMIsr <news@*****isienergie.it> ha scritto:

> Il valore dell'onere citato e' incluso nel prezzo di vendita
> dell'impresa, che altrimenti non si sarebbe venduta.

No, il valore dell'impresa è dettagliato e rappresentato da altre voci, tra
cui: avviamento, rimanenze, ecc. Il patto di non concorrenza non viene
citato.
GIulia 17 Mag 2017 17:44
> Poichè il patto di non concorrenza è oneroso, non essendo monetizzato non
> dovrebbe avere valore, benché compaia nell'atto notarile. Vero o falso?

Sono due cose diverse, il patto di non concorrenza tra
aziende(aziende/imprenditori) e' diverso di quello tra datore e
dipendente/professionista.

Quindi ex-falso quodlibet.

Giulia
_merlinO_ 18 Mag 2017 09:02
GIulia <far593@iperbole.bologna.it> ha scritto:

> Sono due cose diverse, il patto di non concorrenza tra
aziende(aziende/imprenditori) e' diverso di quello tra datore e
dipendente/professionista.
>
> Quindi ex-falso quodlibet.

Umh... quindi qual è il reale valore del patto?
Giulia 18 Mag 2017 12:30
_merlinO_ wrote:
> GIulia <far593@iperbole.bologna.it> ha scritto:
>
>> Sono due cose diverse, il patto di non concorrenza tra
> aziende(aziende/imprenditori) e' diverso di quello tra datore e
> dipendente/professionista.
>>
>> Quindi ex-falso quodlibet.
>
> Umh... quindi qual è il reale valore del patto?
>
Anche nullo, ma non per il motivo che pensi tu ,se ad esempio sono realta di
grossa dimensione e il patto potrebbe creare
una limitazione alla concorrenza.

Un idea della complessità della questione te la sei fatta , a questo punto
puoi solo rivolgerti ad un professionista di questo
settore.


--
Giulia -->
(a 132 colonne)
|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|--
_merlinO_ 18 Mag 2017 14:59
Roberto Deboni DMIsr <news@*****isienergie.it> ha scritto:

> Se e' stato stipulato come parte della trattativa oppure lo stesso
> giorno dell'atto di cessione d'azienda, il valore era implicitamente
> incluso nel prezzo stipulato.

Riferimenti? e come si calcola?
_merlinO_ 19 Mag 2017 10:48
Roberto Deboni DMIsr <news@*****isienergie.it> ha scritto:

> Mi sta chiedendo se due piu' due fa quattro ?

No, sto dando una possibilità a quanto hai affermato pur non trovando riscontro

da alcuna parte.

> Un modo di calcolarlo e' la differenza di prezzo tra la cessione
> d'azienda "con" il patto di non concorrenza ed il prezzo della
> cessione d'azioneda "senza" la promessa di cui al patto di non
> concorrenza.
>
> Elementare.

Se ci fosse una differenza, la cifra per il patto sarebbe esplicitata, anche
per l'impossibilità di gonfiare altre voci reali.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La questione del diritto in Italia | Tutti i gruppi | it.diritto | Notizie e discussioni diritto | Diritto Mobile | Servizio di consultazione news.