La questione del diritto in Italia
 

richiesta risarcimento da parte di pedone investito fuori da strisce pedonali

LoveHateHero 4 Mag 2017 23:25
salve a tutti, sono un ragazzo universitario e di sera faccio il portapizze con
lo scooter della pizzeria, circa un mesetto ero a fare una consegna in via
guidorossi qua a Parma, pioveva molto forte e per prudenza e scarsa visibilità
andavo a circa 40km/h

La via è costeggiata da un parco dove, tra le altre cose, le persone sono
solite andare a correre, improvvisamente mi si butta davanti lo scooter un
"corridore" che uscito dal parco scende immediatamente dal marcia
piede buttandosi in strada, questo uomo era vestito con una tuta impermeabile e
aveva le cuffiette per ascoltare musica, nel momento del fatto credo la musica
fosse accesa infatti io ho urlato (mentre frenavo) ma lui non si è nemmeno
voltato perchè aveva la musica nell'orecchio.

Le strisce pedonali erano ben lontane, l'uomo investito ha attraversato
correndo, cioè ha continuato a fare "jogging" anche mentre attraversava, non è
che uscito dal parco si è fermato sul marciapiede e ha attraversato a passo
d'uomo, sia chiaro. Correva ancora.

Un automobilista che era dietro di me si è fermato per aiutarmi a soccorrere il
pedone, dopo è stato disponibile a testimoniare ai vigili che la velocità era
moderata, lui era dietro di me e andava piano come me, inoltre ha ribadito che
il pedone si è buttato fuori dalle strisce.

Quindi ho un testimone ma non servirebbe manco perché stiamo parlando di un
corridore che in una intensa notte di pioggia decide di attraversare (sempre
correndo) lontano dalle strisce senza prima guardare a sinistra e con la musica
nell'orecchio

Oggi mi arriva una lettera da parte di Infortunistica Veneta indirizzata sia a
me che alla pizzeria per cui consegno le pizze, ecco cosa dice la lettera:

"""Il sign. ******* attraversava all'altezza del passo carrabile e dopo aver
*controllato che non sopraggiungesse* nessun veicolo da entrambi i lati veniva
colpito dallo scooter guidato da ******* che non si avvedeva della presenza del
sn assistito, facendolo cadere a terra. Vi invitiamo per tanto a comunicare il
numero attribuito al sinistro e di trasferire la vostra posizione all
ispettorato di bologna e di comunicare nominativo e recapiti del liquidatore
incaricato x la gestione e a dichiarare la vostra disponiblità a risarcire
tutti i danni del nostro assistito"""

Ecco la lettera, sostengono che il loro ha guardato prima di attraversare, cosa
falsa, il loro assistito si è buttato senza guardare, se avesse guardato mi
avrebbe visto in quanto lo scooter è illuminato, se invece dichiara di aver
guardato vuol dire che ha tentato di suicidarsi!!!Inoltre nella lettera non c'è
scritto che pioveva, che le strisce pedonali e il lampione erano lontani e che
il loro assistito ascoltava pure la musica rendendo vano il mio ultimo tentativo
di urlargli e svegliarlo!!

Perché chi causa un incidente chiede i danni?Perché mente dicendo di aver
guardato? se avesse guardato mi avrebbe visto, mica mi sono materializzato dal
nulla! E' lui che si è materializzato dal nulla di fronte a me buttandosi
corendo in tuta ginnica, cosa devo fare? Non voglio risarcirlo in quanto ritengo
di non avere nessuna colpa

Grazie
tinô 5 Mag 2017 09:15
Il 04/05/2017 23:25, LoveHateHero ha scritto:
> Non voglio risarcirlo in quanto ritengo di non avere nessuna colpa
chiedere e' sempre possibile, anche se si ha torto marcio:)
ma sei assicurato vero?
quindi lascia che se la sbighino loro, tra "ladroni" si intendono meglio
_merlinO_ 5 Mag 2017 09:34
LoveHateHero <metaller4ever@hotmail.it> ha scritto:

[...]
> Perché chi causa un incidente chiede i danni?Perché mente dicendo di
aver guardato? se avesse guardato mi avrebbe visto, mica mi sono
materializzato dal nulla! E' lui che si è materializzato dal nulla di
fronte a me buttandosi corendo in tuta ginnica, cosa devo fare? Non
voglio risarcirlo in quanto ritengo di non avere nessuna colpa

Purtroppo esistono la realtà e quello che si può dimostrare, cose che non
sempre coincidono. Gira tutto all'assicurazione (è il loro pane
quotidiano), dettaglia bene i fatti, cerca di costruire una difesa più
solida possibile. Comunque vada non ti crucciare.
tinô 5 Mag 2017 11:42
Il 05/05/2017 9:34, _merlinO_ ha scritto:
> LoveHateHero <metaller4ever@hotmail.it> ha scritto:
>
> [...]
>> Perché chi causa un incidente chiede i danni?Perché mente dicendo di
> aver guardato? se avesse guardato mi avrebbe visto, mica mi sono
> materializzato dal nulla! E' lui che si è materializzato dal nulla di
> fronte a me buttandosi corendo in tuta ginnica, cosa devo fare? Non
> voglio risarcirlo in quanto ritengo di non avere nessuna colpa
>
> Purtroppo esistono la realtà e quello che si può dimostrare,
ma tu sei caduto?
sul tuo motorino si e' rovinata la carrozzeria?
se si chiedi anche tu i danni e se sei anche caduto forse dopo qualche
tempo hai qualche dolore ai tendini del ginocchio?
ecc ecc
edi'® 5 Mag 2017 13:47
Il 04/05/2017 23.25, LoveHateHero ha scritto:

> Perché chi causa un incidente chiede i danni?Perché mente dicendo di aver
guardato? se avesse guardato mi avrebbe visto, mica mi sono materializzato dal
nulla! E' lui che si è materializzato dal nulla di fronte a me buttandosi
corendo in tuta ginnica, cosa devo fare? Non voglio risarcirlo in quanto ritengo
di non avere nessuna colpa

Anni fa ho avuto un incidente in moto, una signora ha bucato lo stop
tagliandomi la strada.
Aspettando l'ambulanza non la finiva di scusarsi, e grazie a ******* che non
mi ero fatto molto male, e che avrei potuto essere suo figlio e blablabla...

Dopo una decina di giorni mi è arrivata una richiesta di risarcimento
dove dichiarava di essere stata tamponata! Meno male che uno dei
presenti mi aveva lasciato il suo biglietto da visita (dicendo "non si
sa mai...") e con la sua testimonianza le cose si sono risolte in fretta.

In tanti ci provano (a rubare), spesso inzigati dalla loro assicurazione.

E.D.
Unilì 5 Mag 2017 13:58
Il 05/05/2017 13:47, edi'® ha scritto:

> Meno male che uno dei
> presenti mi aveva lasciato il suo biglietto da visita (dicendo "non si
> sa mai...") e con la sua testimonianza le cose si sono risolte in fretta.
>

Era un vero presente o un testimone "capisci ammé"?
Unilì 5 Mag 2017 14:01
Hai violato l'art 141 cds qundi parte della colpa è tua


2. Il conducente deve sempre conservare il controllo del proprio veicolo
ed essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione
di sicurezza, specialmente l'arresto tempestivo del veicolo entro i
limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo
prevedibile.


4. Il conducente deve, altresì, ridurre la velocità e, occorrendo, anche
fermarsi quando riesce malagevole l'incrocio con altri veicoli, in
prossimità degli attraversamenti pedonali e, in ogni caso, quando i
pedoni che si trovino sul percorso tardino a scansarsi o diano segni di
incertezza e quando, al suo avvicinarsi, gli animali che si trovino
sulla strada diano segni di spavento.
edi'® 5 Mag 2017 15:22
Il 05/05/2017 13.58, Unilì ha scritto:

>> Meno male che uno dei
>> presenti mi aveva lasciato il suo biglietto da visita (dicendo "non si
>> sa mai...") e con la sua testimonianza le cose si sono risolte in fretta.
>>
>
> Era un vero presente o un testimone "capisci ammé"?

Era un testimone vero, che è rimasto sul posto per un buon quarto d'ora.

E.D.
LoveHateHero 5 Mag 2017 16:14
Il giorno venerdì 5 maggio 2017 14:01:06 UTC+2, Unilì ha scritto:
> Hai violato l'art 141 cds qundi parte della colpa è tua

spero tu stia scherzando/provocando, ancora meglio, spero tu non sappia leggere
l'italiano e quindi, non avendo capito cosa ho scritto, saresti pure
giustificato, ma mi sembra di capire che fai finta di non capire per provocare

l'ostacolo in questione non era fermo, ma era mobile, non andava a passo d'uomo,
ma correva, faceva jogging, quando è uscito dal parco e si è immesso in strada
non lo ha fatto a passo d'uomo ma sempre facendo jogging, nonostante la mia
velocità di 40/h tenuta a causa delle condizioni climatiche (velocità
confermata dal testimone dietro di me perché se io andavo a 40/h anche lui
teneva la stessa velocità)

inoltre il corridore non avendo guardato alla propriia sinistra si è immesso
parallelamente allo scooter, esiste un margine entro cui possiamo frenare, sia
il mezzo sia i riflessi umani hanno bisogno di qualche secondo di reazione, le
strisce pedonali non c'erano manco, il pedone non era insicuro e titubante si è
buttato correndo senza guardare perché voleva ripararsi dalla pioggia sotto il
palazzo situato all'altro lato

La lettera stessa che mi hanno mandato e che io vi ho trascritto leteralmente fa
capire che non hanno nulla a cui aggraparsi, hanno omesso l'assenza di strisce
pedonali, hanno omesso che il loro assistito faceva jogging in mezzo alla strada
e asffermano che "ha gaudato in entrambi i lati accertandosi che non ci fosse
nessuno per poi essere investito"

la loro affermazione non ha senso nella ******* italiana, perchè se avesse
guardato mi avrebbe visto e non si sarebbe buttato, nonostante il buio e la
pioggia lo scooter è visibile in quanto illuminato e rumoroso, semmai è il
conducente che in caso di pioggia fa fatica a vedere un pedone che oltre ad
immettersi all'improvviso lo fa correndo invece di andare a passo d'uomo

affermare di aver guardato prima di buttarsi vuol dire due casi:

-io non c'ero e mi sono materializzato all'improvviso da un'altra dimensione, e
con me anche l'auto che mi era dietro
-ha guardato veramente mi ha visto e ha cercato di suicidarsi

è inutile che posti quell articolo, è ovvio che cds obbliga tutti alla
prudenza, andare a 40/h è già prova di condotta prudente, buttarsi fuori dalle
strisce, lontano dal lampione che illumina, senza guardare, facendo jogging a
alta velocità, indossando cuffie che gli hanno impedito di ascoltare il mio
urlo che ho fatto all'ultimo minuto indica una condotta estremamente imprudente
che mi ha impedito in qualsiasi modo di evitare l'impatto

anche perchè credetemi, non è bello investire una persona, anche se sei
consapevole che da parte tua non hai fatto nulla, figuriamoci come ci si sente
quando si investe qualcuno sapendo di aver torto

ps: io a sto tizio mentre ero a terra gli ho urlato cose tipo "ma che *******
fai" in quanto ero molto agitato, lui mi chiedeva scusa, aveva ancora la musica
a palla nelle orecchie, sono uno stupido avrei dovuto fare una footo alle cuffie
per sottolineare il suo comportamento imprudente, ma tanto c'è un testimone

cmq prima mi chiede scusa poi mi manda lettera a casa, ma perché la sua agenzia
non ha scritto all'assicurazione dello scooter?
pirex 5 Mag 2017 18:04
LoveHateHero ci ha detto :
> Il giorno venerdì 5 maggio 2017 14:01:06 UTC+2, Unilì ha
> scritto:
>> Hai violato l'art 141 cds qundi parte della colpa è tua

> spero tu stia scherzando/provocando, ancora meglio, spero tu
> non sappia leggere l'italiano e quindi, non avendo capito cosa
> ho scritto, saresti pure giustificato, ma mi sembra di capire
> che fai finta di non capire per provocare


Nemmeno le assicurazioni a volte non sanno leggere l'italiano...
ma secondo me, una volta spiegato per bene i fatti,
meglio se per iscritto e dando i nominativi
di chi era presente al momento dell'incidente
ti conviene affidarti alla TUA assicurazione
che non credo abbia interesse a pagare.
Male che vada ti tiri fuori da tutte le rogne.

--



Confrontare la necessità di un’emergenza sanitaria domenicale
con la necessità di comprarsi un paio di scarpe o altro non è
logico.
A meno che uno non soffra di shopping compulsivo
http://tinyurl.com/kb4nm8n
Giangiolo 6 Mag 2017 13:32
"LoveHateHero" <metaller4ever@hotmail.it> ha scritto nel messaggio
news:1359ea94-0246-407c-bbf0-385f6caabdd4@googlegroups.com...
salve a tutti, sono un ragazzo universitario e di sera faccio il portapizze
con lo scooter della pizzeria, circa un mesetto ero a fare una consegna in
via guidorossi qua a Parma, pioveva molto forte e per prudenza e scarsa
visibilità andavo a circa 40km/h

La via è costeggiata da un parco dove, tra le altre cose, le persone sono
solite andare a correre, improvvisamente mi si butta davanti lo scooter un
"corridore" che uscito dal parco scende immediatamente dal marcia
piede buttandosi in strada, questo uomo era vestito con una tuta
impermeabile e aveva le cuffiette per ascoltare musica, nel momento del
fatto credo la musica fosse accesa infatti io ho urlato (mentre frenavo) ma
lui non si è nemmeno voltato perchè aveva la musica nell'orecchio.

Le strisce pedonali erano ben lontane, l'uomo investito ha attraversato
correndo, cioè ha continuato a fare "jogging" anche mentre attraversava, non
è che uscito dal parco si è fermato sul marciapiede e ha attraversato a
passo d'uomo, sia chiaro. Correva ancora.

Un automobilista che era dietro di me si è fermato per aiutarmi a soccorrere
il pedone, dopo è stato disponibile a testimoniare ai vigili che la velocità
era moderata, lui era dietro di me e andava piano come me, inoltre ha
ribadito che il pedone si è buttato fuori dalle strisce.

Quindi ho un testimone ma non servirebbe manco perché stiamo parlando di un
corridore che in una intensa notte di pioggia decide di attraversare (sempre
correndo) lontano dalle strisce senza prima guardare a sinistra e con la
musica nell'orecchio

Oggi mi arriva una lettera da parte di Infortunistica Veneta indirizzata sia
a me che alla pizzeria per cui consegno le pizze, ecco cosa dice la lettera:

"""Il sign. ******* attraversava all'altezza del passo carrabile e dopo aver
*controllato che non sopraggiungesse* nessun veicolo da entrambi i lati
veniva colpito dallo scooter guidato da ******* che non si avvedeva della
presenza del sn assistito, facendolo cadere a terra. Vi invitiamo per tanto
a comunicare il numero attribuito al sinistro e di trasferire la vostra
posizione all ispettorato di bologna e di comunicare nominativo e recapiti
del liquidatore incaricato x la gestione e a dichiarare la vostra
disponiblità a risarcire tutti i danni del nostro assistito"""

Ecco la lettera, sostengono che il loro ha guardato prima di attraversare,
cosa falsa, il loro assistito si è buttato senza guardare, se avesse
guardato mi avrebbe visto in quanto lo scooter è illuminato, se invece
dichiara di aver guardato vuol dire che ha tentato di suicidarsi!!!Inoltre
nella lettera non c'è scritto che pioveva, che le strisce pedonali e il
lampione erano lontani e che il loro assistito ascoltava pure la musica
rendendo vano il mio ultimo tentativo di urlargli e svegliarlo!!

Perché chi causa un incidente chiede i danni?Perché mente dicendo di aver
guardato? se avesse guardato mi avrebbe visto, mica mi sono materializzato
dal nulla! E' lui che si è materializzato dal nulla di fronte a me
buttandosi corendo in tuta ginnica, cosa devo fare? Non voglio risarcirlo in
quanto ritengo di non avere nessuna colpa

Grazie

--------------------

non devi fare nulla, se la vedono tra assicurazioni.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La questione del diritto in Italia | Tutti i gruppi | it.diritto | Notizie e discussioni diritto | Diritto Mobile | Servizio di consultazione news.