La questione del diritto in Italia
 

telefono+adsl 2 providers 2 contratti 2 intestatari

Sunoz 19 Giu 2017 22:47
In un appartamento la persona residente invalida é intestataria solo del
contratto telefono fisso.
Un parente non residente nello stesso comune, ha aggiunto alla linea
telefonica, d'accordo con il titolare, la connessione adsl per poter meglio
controllarla in caso di malore ed ha fatto il contratto adsl con un'altro
provider.

In caso di modifica della situazione, tipo migrazione di tutto (telefono+adsl)
ad uno dei due provider attuali oppure ad un'altro, é necessaria la firma
congiunta per stipulare il nuovo contratto?
Sunoz 27 Giu 2017 19:29
Sunoz in data 22:47, lunedì 19 giugno 2017, nel gruppo it.diritto ha scritto:

> In un appartamento la persona residente invalida é intestataria solo del
> contratto telefono fisso.
> Un parente non residente nello stesso comune, ha aggiunto alla linea
> telefonica, d'accordo con il titolare, la connessione adsl per poter meglio
> controllarla in caso di malore ed ha fatto il contratto adsl con un'altro
> provider.
>
> In caso di modifica della situazione, tipo migrazione di tutto
> (telefono+adsl) ad uno dei due provider attuali oppure ad un'altro, é
> necessaria la firma congiunta per stipulare il nuovo contratto?

Nessuna idea?
edi'® 28 Giu 2017 09:57
Il 27/06/2017 19.29, Sunoz ha scritto:

>> In un appartamento la persona residente invalida é intestataria solo del
>> contratto telefono fisso.
>> Un parente non residente nello stesso comune, ha aggiunto alla linea
>> telefonica, d'accordo con il titolare, la connessione adsl per poter meglio
>> controllarla in caso di malore ed ha fatto il contratto adsl con un'altro
>> provider.
>>
>> In caso di modifica della situazione, tipo migrazione di tutto
>> (telefono+adsl) ad uno dei due provider attuali oppure ad un'altro, é
>> necessaria la firma congiunta per stipulare il nuovo contratto?
>
> Nessuna idea?

Se il parente ha stipulato un contratto a proprio nome e presso un altro
gestore, questo contratto è indipendente dall'altro.
Ci sono due contratti: quello del telefono (a nome della persona
residente) e quello adsl (a nome del parente) e ciascun contratto
seguirà il proprio iter in caso di disdetta, migrazione etc.

E.D.
Sunoz 28 Giu 2017 14:22
edi'® in data 09:57, mercoledì 28 giugno 2017, nel gruppo it.diritto ha
scritto:

> Il 27/06/2017 19.29, Sunoz ha scritto:
>
>>> In un appartamento la persona residente invalida é intestataria solo del
>>> contratto telefono fisso.
>>> Un parente non residente nello stesso comune, ha aggiunto alla linea
>>> telefonica, d'accordo con il titolare, la connessione adsl per poter meglio
>>> controllarla in caso di malore ed ha fatto il contratto adsl con un'altro
>>> provider.
>>>
>>> In caso di modifica della situazione, tipo migrazione di tutto
>>> (telefono+adsl) ad uno dei due provider attuali oppure ad un'altro, é
>>> necessaria la firma congiunta per stipulare il nuovo contratto?
>>
>> Nessuna idea?
>
> Se il parente ha stipulato un contratto a proprio nome e presso un altro
> gestore, questo contratto è indipendente dall'altro.
> Ci sono due contratti: quello del telefono (a nome della persona
> residente) e quello adsl (a nome del parente) e ciascun contratto
> seguirà il proprio iter in caso di disdetta, migrazione etc.

Quindi confermi che per effettuare un cambiamento, per esempio migrare l'ADSL
allo stesso provider del telefono fisso, é necessario che il parente
intestatario dia la disdetta, altrimenti la cosa non é possibile.
Questo mi rassicura in quanto alla persona residente invalida (che ha una linea
riservata, con numero oscurato, e non in elenco), stanno cominciando ad
arrivare chiamate non desiderate di operatori telefonici che propongono
offerte "imperdibili".
Dato che é anche un pochetto sorda, potrebbe fraintendere e scappargli un "SI"
non voluto e trovarsi appioppato un contratto indesiderato.

Grazie.
edi'® 28 Giu 2017 17:54
Il 28/06/2017 14.22, Sunoz ha scritto:

>> Se il parente ha stipulato un contratto a proprio nome e presso un altro
>> gestore, questo contratto è indipendente dall'altro.
>> Ci sono due contratti: quello del telefono (a nome della persona
>> residente) e quello adsl (a nome del parente) e ciascun contratto
>> seguirà il proprio iter in caso di disdetta, migrazione etc.
>
> Quindi confermi che per effettuare un cambiamento, per esempio migrare l'ADSL
> allo stesso provider del telefono fisso, é necessario che il parente
> intestatario dia la disdetta, altrimenti la cosa non é possibile.
> Questo mi rassicura in quanto alla persona residente invalida (che ha una
linea
> riservata, con numero oscurato, e non in elenco), stanno cominciando ad
> arrivare chiamate non desiderate di operatori telefonici che propongono
> offerte "imperdibili".
> Dato che é anche un pochetto sorda, potrebbe fraintendere e scappargli un
"SI"
> non voluto e trovarsi appioppato un contratto indesiderato.

I due contratti sono a sé stanti, teoricamente solo il parente può dare
disdetta del contratto adsl. Ma se un operatore conclude con la persona
invalida un contratto telefonico per aggiungere l'adsl alla linea - o
per passare ad altro gestore - il fatto che lei l'adsl in casa già ce
l'abbia (con un altro operatore e un altro intestatario) non c'entra
nulla, il rischio rimane lo stesso.

E.D.
Sunoz 29 Giu 2017 14:42
edi'® in data 17:54, mercoledì 28 giugno 2017, nel gruppo it.diritto ha
scritto:

> Il 28/06/2017 14.22, Sunoz ha scritto:
>
>>> Se il parente ha stipulato un contratto a proprio nome e presso un altro
>>> gestore, questo contratto è indipendente dall'altro.
>>> Ci sono due contratti: quello del telefono (a nome della persona
>>> residente) e quello adsl (a nome del parente) e ciascun contratto
>>> seguirà il proprio iter in caso di disdetta, migrazione etc.
>>
>> Quindi confermi che per effettuare un cambiamento, per esempio migrare
>> l'ADSL allo stesso provider del telefono fisso, é necessario che il parente
>> intestatario dia la disdetta, altrimenti la cosa non é possibile.
>> Questo mi rassicura in quanto alla persona residente invalida (che ha una
>> linea riservata, con numero oscurato, e non in elenco), stanno cominciando
>> ad arrivare chiamate non desiderate di operatori telefonici che propongono
>> offerte "imperdibili".
>> Dato che é anche un pochetto sorda, potrebbe fraintendere e scappargli un
>> "SI" non voluto e trovarsi appioppato un contratto indesiderato.
>
> I due contratti sono a sé stanti, teoricamente solo il parente può dare
> disdetta del contratto adsl. Ma se un operatore conclude con la persona
> invalida un contratto telefonico per aggiungere l'adsl alla linea - o
> per passare ad altro gestore - il fatto che lei l'adsl in casa già ce
> l'abbia (con un altro operatore e un altro intestatario) non c'entra
> nulla, il rischio rimane lo stesso.

Ok. Rimane il rischio che se il parente non firma la disdetta adsl, la persona
rimane senza telefono. Bello.
wuser 29 Giu 2017 20:50
Il 19/06/2017 22:47, Sunoz ha scritto:
> In un appartamento la persona residente invalida é intestataria solo del
> contratto telefono fisso.
> Un parente non residente nello stesso comune, ha aggiunto alla linea
> telefonica, d'accordo con il titolare, la connessione adsl per poter meglio
> controllarla in caso di malore ed ha fatto il contratto adsl con un'altro
> provider.
>
> In caso di modifica della situazione, tipo migrazione di tutto (telefono+adsl)
> ad uno dei due provider attuali oppure ad un'altro, é necessaria la firma
> congiunta per stipulare il nuovo contratto?
>

No.
Era la stessa mia situazione. Sono migrato al gestore dell'adsl senza
nessuna firma, ho solo dovuto comunicare il codice migrazione riportato
sulle bollette dell'operatore della linea fissa.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La questione del diritto in Italia | Tutti i gruppi | it.diritto | Notizie e discussioni diritto | Diritto Mobile | Servizio di consultazione news.