La questione del diritto in Italia
 

Moduli per il consenso al trattamento dei dati

Jamie 31 Ago 2017 17:33
Stanca dei continui aumenti di wind ho deciso di passare a coop voce.
Sono andata quindi a richiedere la portabilità del numero, alla fine
della procedura mi hanno naturalmente stampato il contratto, e lì ho
notato una cosa che mi ha infastidito parecchio, ovvero che loro
stampano il modulo con il consenso al trattamento dei dati con la
crocetta già stampata su "Dò il consenso", e questo per ogni tipologia,
compresa la parte che gli consente di comunicare i tuoi dati anche a
terze parti, ovviamente per fini commerciali. Siccome ho l'abitudine di
leggere quello che mi chiedono di firmare, ho notato la cosa ed ho
chiesto quindi all'addetta di ristampare il foglio in quanto non volevo
dare quei consensi, ma si è limitata a "cancellare" a mano con uno
scarabocchio ed a mettere la crocetta su "Nego il consenso". Adesso però
mi è rimasto il dubbio che nel loro sistema informatico sia finito un
consenso che in realtà non ho dato.
Mi chiedo se un simile comportamento, cioè stampare un modulo dove la
crocetta sul consenso al trattamento dei dati viene fuori per default,
sia legale o corretto.
Grazie.
Roberto Tagliaferri 31 Ago 2017 18:57
Jamie wrote:

> Stanca dei continui aumenti di wind ho deciso di passare a coop voce.
> Sono andata quindi a richiedere la portabilità del numero, alla fine
> della procedura mi hanno naturalmente stampato il contratto, e lì ho
> notato una cosa che mi ha infastidito parecchio, ovvero che loro
> stampano il modulo con il consenso al trattamento dei dati con la
> crocetta già stampata su "Dò il consenso", e questo per ogni tipologia,
> compresa la parte che gli consente di comunicare i tuoi dati anche a
> terze parti, ovviamente per fini commerciali. Siccome ho l'abitudine di
> leggere quello che mi chiedono di firmare, ho notato la cosa ed ho
> chiesto quindi all'addetta di ristampare il foglio in quanto non volevo
> dare quei consensi, ma si è limitata a "cancellare" a mano con uno
> scarabocchio ed a mettere la crocetta su "Nego il consenso". Adesso però
> mi è rimasto il dubbio che nel loro sistema informatico sia finito un
> consenso che in realtà non ho dato.
> Mi chiedo se un simile comportamento, cioè stampare un modulo dove la
> crocetta sul consenso al trattamento dei dati viene fuori per default,
> sia legale o corretto.
> Grazie.

Tre non ha proprio l'opzione.. il contratto ha un solo consenso e se non
vuoi fornire gli altri devi chiamare il loro numero per la modifica: 10
minuti di chiamata
--
Roberto Tagliaferri-Linux user #30785 <-> r.tagliaferri@(forse)tosnet.it
www.robyt.eu
Morgan 31 Ago 2017 22:10
Il 31/08/2017 18:57, Roberto Tagliaferri ha scritto:
> Jamie wrote:
>
>> Stanca dei continui aumenti di wind ho deciso di passare a coop voce.
>> Sono andata quindi a richiedere la portabilità del numero, alla fine
>> della procedura mi hanno naturalmente stampato il contratto, e lì ho
>> notato una cosa che mi ha infastidito parecchio, ovvero che loro
>> stampano il modulo con il consenso al trattamento dei dati con la
>> crocetta già stampata su "Dò il consenso", e questo per ogni tipologia,
>> compresa la parte che gli consente di comunicare i tuoi dati anche a
>> terze parti, ovviamente per fini commerciali. Siccome ho l'abitudine di
>> leggere quello che mi chiedono di firmare, ho notato la cosa ed ho
>> chiesto quindi all'addetta di ristampare il foglio in quanto non volevo
>> dare quei consensi, ma si è limitata a "cancellare" a mano con uno
>> scarabocchio ed a mettere la crocetta su "Nego il consenso". Adesso però
>> mi è rimasto il dubbio che nel loro sistema informatico sia finito un
>> consenso che in realtà non ho dato.
>> Mi chiedo se un simile comportamento, cioè stampare un modulo dove la
>> crocetta sul consenso al trattamento dei dati viene fuori per default,
>> sia legale o corretto.
>> Grazie.
>
> Tre non ha proprio l'opzione.. il contratto ha un solo consenso e se non
> vuoi fornire gli altri devi chiamare il loro numero per la modifica: 10
> minuti di chiamata
>

Praticamente, in poche parole, se non glie lo dai se lo prendono, il
consenso, dico.



--
Roberto Tagliaferri 1 Set 2017 08:50
Morgan wrote:

> Il 31/08/2017 18:57, Roberto Tagliaferri ha scritto:
>> Jamie wrote:
>>
>>> Stanca dei continui aumenti di wind ho deciso di passare a coop voce.
>>> Sono andata quindi a richiedere la portabilità del numero, alla fine
>>> della procedura mi hanno naturalmente stampato il contratto, e lì ho
>>> notato una cosa che mi ha infastidito parecchio, ovvero che loro
>>> stampano il modulo con il consenso al trattamento dei dati con la
>>> crocetta già stampata su "Dò il consenso", e questo per ogni tipologia,
>>> compresa la parte che gli consente di comunicare i tuoi dati anche a
>>> terze parti, ovviamente per fini commerciali. Siccome ho l'abitudine di
>>> leggere quello che mi chiedono di firmare, ho notato la cosa ed ho
>>> chiesto quindi all'addetta di ristampare il foglio in quanto non volevo
>>> dare quei consensi, ma si è limitata a "cancellare" a mano con uno
>>> scarabocchio ed a mettere la crocetta su "Nego il consenso". Adesso però
>>> mi è rimasto il dubbio che nel loro sistema informatico sia finito un
>>> consenso che in realtà non ho dato.
>>> Mi chiedo se un simile comportamento, cioè stampare un modulo dove la
>>> crocetta sul consenso al trattamento dei dati viene fuori per default,
>>> sia legale o corretto.
>>> Grazie.
>>
>> Tre non ha proprio l'opzione.. il contratto ha un solo consenso e se non
>> vuoi fornire gli altri devi chiamare il loro numero per la modifica: 10
>> minuti di chiamata
>>
>
> Praticamente, in poche parole, se non glie lo dai se lo prendono, il
> consenso, dico.
>
>
>

Si, è prevista una spunta sola e quindi inglobata nella obbligatoria.
Io ho firmato, uscito dal negozio e chiamato il call center

--
Roberto Tagliaferri-Linux user #30785 <-> r.tagliaferri@(forse)tosnet.it
www.robyt.eu
Gianfranco 1 Set 2017 11:07
On Thu, 31 Aug 2017 18:57:17 +0200, Roberto Tagliaferri wrote:

Ciao,


> Tre non ha proprio l'opzione.. il contratto ha un solo consenso e se non
> vuoi fornire gli altri devi chiamare il loro numero per la modifica: 10
> minuti di chiamata

Per questo motivo non ho effettuato un ordine da un sito di vendita
online: una singola spunta, obbligatoria, comprendente la pubblicita' e
la cessione dei dati a terzi. Anche se c'e' scritto che *dopo* si puo'
cambiare, intanto se lo prendono. >:[

Se cominciassimo a non fare affari con questi figuri, forse qualcosa
cambierebbe. ;-)

Un saluto,


--
Gianfranco Bertozzi
Gianfranco 1 Set 2017 11:07
On Thu, 31 Aug 2017 17:33:43 +0200, Jamie wrote:

Ciao,


> stampano il modulo con il consenso al trattamento dei dati con la
> crocetta già stampata su "Dò il consenso", e questo per ogni tipologia,
> compresa la parte che gli consente di comunicare i tuoi dati anche a

Scorretto comportamento dell'addetto. Anche io ho fatto il cambio a
Coop e alla stipula del contratto mi e' stato espressamente chiesto se,
oltre ai consensi necessari, volevo anche quello delle comunicazioni
commerciali; il foglio uscito aveva le crocette al punto giusto. :-)


> scarabocchio ed a mettere la crocetta su "Nego il consenso". Adesso però
> mi è rimasto il dubbio che nel loro sistema informatico sia finito un
> consenso che in realtà non ho dato.

Puo' darsi che abbia modificato la voce senza ristamparla, pero' io un
controllo lo farei. Penso si possa fare anche online.

Un saluto,

--
Gianfranco Bertozzi
Jamie 1 Set 2017 11:46
On 01/09/2017 11:07, Gianfranco wrote:
> On Thu, 31 Aug 2017 17:33:43 +0200, Jamie wrote:
>
> Ciao,
>
>
>> stampano il modulo con il consenso al trattamento dei dati con la
>> crocetta già stampata su "Dò il consenso", e questo per ogni tipologia,
>> compresa la parte che gli consente di comunicare i tuoi dati anche a
>
> Scorretto comportamento dell'addetto. Anche io ho fatto il cambio a
> Coop e alla stipula del contratto mi e' stato espressamente chiesto se,
> oltre ai consensi necessari, volevo anche quello delle comunicazioni
> commerciali; il foglio uscito aveva le crocette al punto giusto. :-)

Ah ecco, quasi quasi lo avevo immaginato. Bene, oggi se ho tempo ci
passo, ma intanto ho mandato una mail di protesta.

> Puo' darsi che abbia modificato la voce senza ristamparla, pero' io un
> controllo lo farei. Penso si possa fare anche online.

Al momento la portabilità non è ancora attiva quindi non riesco.
Jamie 1 Set 2017 11:47
On 31/08/2017 18:57, Roberto Tagliaferri wrote:

> Tre non ha proprio l'opzione.. il contratto ha un solo consenso e se non
> vuoi fornire gli altri devi chiamare il loro numero per la modifica: 10
> minuti di chiamata
>

Peggio ancora...
Vorrei sapere cosa ne pensano gli esperti.
Morgan 1 Set 2017 15:54
Il 01/09/2017 11:47, Jamie ha scritto:
> On 31/08/2017 18:57, Roberto Tagliaferri wrote:
>
>> Tre non ha proprio l'opzione.. il contratto ha un solo consenso e se non
>> vuoi fornire gli altri devi chiamare il loro numero per la modifica: 10
>> minuti di chiamata
>>
>
> Peggio ancora...
> Vorrei sapere cosa ne pensano gli esperti.


A proposito, adesso che ci penso, quando ho comprato l'ultima
nuova sim per internet e basta (senza voce), non ho firmato
nessun contratto; mi hanno chiesto documento e codice fiscale,
ho pagato e me ne sono andato.
E ora che ci ripenso, anche un anno prima era successo così.
Quindi suppongo che dei miei dati ne possano disporre come meglio
ritengono opportuno; cioè diffonderli e cederli a chi vogliono.
Sicuramente non aver firmato niente equivale ad aver detti SI a tutto...
C'è da impazzire.


--
GIulia 1 Set 2017 16:06
>
> Si, è prevista una spunta sola e quindi inglobata nella obbligatoria.
> Io ho firmato, uscito dal negozio e chiamato il call center

Basta che metti una nota a fianco con firma e data(in entrambe le copie), lo ho
gia fatto su
contratti prestampati per modificare delle clausole sull privacy come le tue,
e' una procedura regolare e con valenza legale.

Giulia
Jamie 1 Set 2017 21:15
On 01/09/2017 15:54, Morgan wrote:

>
> A proposito, adesso che ci penso, quando ho comprato l'ultima
> nuova sim per internet e basta (senza voce), non ho firmato
> nessun contratto; mi hanno chiesto documento e codice fiscale,
> ho pagato e me ne sono andato.
> E ora che ci ripenso, anche un anno prima era successo così.
> Quindi suppongo che dei miei dati ne possano disporre come meglio
> ritengono opportuno; cioè diffonderli e cederli a chi vogliono.
> Sicuramente non aver firmato niente equivale ad aver detti SI a tutto...
> C'è da impazzire.
>
>

Ah beh, la stessa cosa accade quando si sottoscrive qualche offerta, non
c'è mai niente da firmare, opzioni che vengono attivate addirittura
senza nemmeno che uno ne abbia fatto richiesta. Più che da impazzire ci
sarebbe da denunciare sempre, purtroppo loro contano sul fatto che uno
mediamente non ha tutto questo gran tempo da perdere.
Per tornare alla mia questione, ho ricevuto risposta alla mia mail e mi
hanno confermato che è stata un'iniziativa personale dell'operatore,
"per velocizzare le operazioni", in quanto il modulo a sistema non
presenta nessun flag già inserito. Resta il fatto che se la tipa non ha
cambiato poi il consenso a terminale risulta come se io glielo avessi
dato, ma mi hanno garantito che non è così. E che provvederanno ad
istruire il personale affinché non accada più.
Speriamo.
Lex Tutor 5 Set 2017 17:23
Da cosi' lontano, Jamie <jamie@bluesky.no> disse questo:

>Stanca dei continui aumenti di wind ho deciso di passare a coop voce.
>Sono andata quindi a richiedere la portabilità del numero, alla fine
>della procedura mi hanno naturalmente stampato il contratto, e lì ho
>notato una cosa che mi ha infastidito parecchio, ovvero che loro
>stampano il modulo con il consenso al trattamento dei dati con la
>crocetta già stampata su "Dò il consenso", e questo per ogni tipologia,
>compresa la parte che gli consente di comunicare i tuoi dati anche a
>terze parti, ovviamente per fini commerciali. Siccome ho l'abitudine di
>leggere quello che mi chiedono di firmare, ho notato la cosa ed ho
>chiesto quindi all'addetta di ristampare il foglio in quanto non volevo
>dare quei consensi, ma si è limitata a "cancellare" a mano con uno
>scarabocchio ed a mettere la crocetta su "Nego il consenso". Adesso però
>mi è rimasto il dubbio che nel loro sistema informatico sia finito un
>consenso che in realtà non ho dato.
>Mi chiedo se un simile comportamento, cioè stampare un modulo dove la
>crocetta sul consenso al trattamento dei dati viene fuori per default,
>sia legale o corretto.

Ti sei posta una questione del tutto corretta e non sei nemmeno stata
la prima: un comportamento del genere è *altamente illegale* ai sensi
del D. Lg. 196/2003, è stato già più volte sanzionato dal Garante
Privacy oltre, a mio parere, configurare pure un 629 CP perché il
consenso all'uso e allo sfruttamento commerciale dei propri dati
personali (anche verso terzi, che va richiesto con un secondo quesito)
NON può essere ESTORTO con mezzi fraudolenti.

Per essere sicura che, malgrado la modifica fatta, i tuoi dati siano
trattati lecitamente e secondo le *tue* volontà, ora dovresti mandare
una PEC a lorsignori reclamando quanto sopra e magari aggiungendoci
anche le mie note sui rilievi penali di tale comportamento.

Ciò comunque non ti pone al riparo dai ricettatori di dati personali,
molto spesso dipendenti infedeli di tali ditte, che se infischiano
bellamente di qualsiasi consenso espresso, semplicemente si copiano le
liste di dati personali e se le rivendono.

Da qualche anno, infatti, Milano brulica di spamfarm dove si
compravende di tutto: principalmente liste di indirizzi mail da
spammare e liste di numeri di telefono da sfruttare per scopi
commerciali; il tutto praticamente alla luce del sole (i ricettatori
si fatturano persino fra di loro questo commercio illecito) grazie
alla corruzione imperante nella polizia postale locale.

--
Lex Tutor
L'Asilo Infantile di Bofhland® è un argomento che sarà oggetto
di un libro di prossima pubblicazione, quindi sto discutendo
di una questione che mi interessa per finalità di ricerca
Lex Tutor 5 Set 2017 17:23
Da cosi' lontano, Morgan <dineouch@teleworm.us> disse questo:

>Sicuramente non aver firmato niente equivale ad aver detti SI a tutto...

E' il contrario.
NON aver firmato nessun consenso, *per la legge italiana*, equivale ad
aver dato il solo consenso per la transazione commerciale sottostante
e aver limitato il trattamento al solo contenuto della stessa nei
confronti del solo contraente con cui si conclude un contratto.
Qualunque altro trattamento fatto, soprattutto da terzi, sarebbe
illecito.

>C'è da impazzire.

C'è da denunciare.
E nessuno lo fa. A parte *me*.
I ricettatori contanto, e fanno bene i loro conti a vedere i fatti,
sulla ben nota PECORAGGINE e VIGLIACCHERIA degli italioti, veri e
proprio branchi di i*****ti disposti a subirne di ogni, a cominciare dal
vedere messa in vendita la loro intera esistenza per pochi spiccioli.

--
Lex Tutor
L'Asilo Infantile di Bofhland® è un argomento che sarà oggetto
di un libro di prossima pubblicazione, quindi sto discutendo
di una questione che mi interessa per finalità di ricerca
Lex Tutor 5 Set 2017 17:23
Da cosi' lontano, Jamie <jamie@bluesky.no> disse questo:

>hanno confermato che è stata un'iniziativa personale dell'operatore,
>"per velocizzare le operazioni", in quanto il modulo a sistema non
>presenta nessun flag già inserito. Resta il fatto che se la tipa non ha
>cambiato poi il consenso a terminale risulta come se io glielo avessi
>dato, ma mi hanno garantito che non è così. E che provvederanno ad
>istruire il personale affinché non accada più.

Da quello che descrivi, e se le procedure aziendali sono realmente
come descritto, temo tu sia incappata nell'ennesimo dipendente
infendele ricettatore di dati personali.

>Speriamo.

C'hai poco da sperare. A quest'ora i tuoi dati, soprattutto indirizzo
di posta elettronica e numero di telefono, sono già stati inseriti nel
rispettivo spamdatabase e la tua vita è già stata venduta e rivenduta
almeno un paio di volte... Al prezzo me***** di 10 cent.

--
Lex Tutor
L'Asilo Infantile di Bofhland® è un argomento che sarà oggetto
di un libro di prossima pubblicazione, quindi sto discutendo
di una questione che mi interessa per finalità di ricerca
Gianfranco 5 Set 2017 17:58
On Tue, 05 Sep 2017 17:23:00 +0200, Lex Tutor wrote:

Ciao,


> consenso all'uso e allo sfruttamento commerciale dei propri dati
> personali (anche verso terzi, che va richiesto con un secondo quesito)
> NON può essere ESTORTO con mezzi fraudolenti.

Quindi i siti che per venderti qualcosa richiedono un solo assenso
a tutto il papiro, dati essenziali per la compravendita e assenso
alla pubblicita' con la clausola che, dopo, potrai revocare la parte
"pubblicita'", sono illegali?

Una revoca tardiva ti mette comunque al sicuro oppure c'e' il rischio
che nel lasso di tempo necessario a completare la pratica, rientrare e
revocare, i tuoi dati siano gia' in giro per il mondo?

Grazie. Un saluto,


--
Gianfranco Bertozzi
Gianfranco 5 Set 2017 17:58
On Tue, 05 Sep 2017 17:23:03 +0200, Lex Tutor wrote:

Ciao,


> Da quello che descrivi, e se le procedure aziendali sono realmente
> come descritto, temo tu sia incappata nell'ennesimo dipendente
> infendele ricettatore di dati personali.

Potrebbe essere anche il classico fannullone che per evitare di
perdere tempo seleziona tutto e fa firmare il cliente, ben sapendo come
si comporta la stragrande maggioranza delle persone. :-)

Un saluto,


--
Gianfranco Bertozzi
Jamie 5 Set 2017 21:39
On 05/09/2017 17:23, Lex Tutor wrote:

> Ti sei posta una questione del tutto corretta e non sei nemmeno stata
> la prima: un comportamento del genere è *altamente illegale* ai sensi
> del D. Lg. 196/2003, è stato già più volte sanzionato dal Garante
> Privacy oltre, a mio parere, configurare pure un 629 CP perché il
> consenso all'uso e allo sfruttamento commerciale dei propri dati
> personali (anche verso terzi, che va richiesto con un secondo quesito)
> NON può essere ESTORTO con mezzi fraudolenti.
>
> Per essere sicura che, malgrado la modifica fatta, i tuoi dati siano
> trattati lecitamente e secondo le *tue* volontà, ora dovresti mandare
> una PEC a lorsignori reclamando quanto sopra e magari aggiungendoci
> anche le mie note sui rilievi penali di tale comportamento.

Non so se hai letto il resto del thread, dove ho riportato anche la
risposta dell'azienda, in cui mi hanno specificato che il comportamento
tenuto dal dipendente NON fa parte di una loro procedura e non c'è
nessun automatismo nel modulo per il consenso dei dati, pertanto si è
trattato di iniziativa personale dell'addetta. Inoltre, non so se tanto
per far bella figura, mi hanno assicurato che hanno schedulato una serie
di ******* formativi con i dipendenti per ribadire le corrette procedure.


> Ciò comunque non ti pone al riparo dai ricettatori di dati personali,
> molto spesso dipendenti infedeli di tali ditte, che se infischiano
> bellamente di qualsiasi consenso espresso, semplicemente si copiano le
> liste di dati personali e se le rivendono.

Infatti il vero problema è che una volta che i dati cominciano a
circolare sei fregato, aivoglia a cercare un colpevole. E' una lotta
contro i mulini a vento :(
Lex Tutor 9 Set 2017 18:43
Da cosi' lontano, Gianfranco <gbertozzi@gmail.com> disse questo:

> Quindi i siti che per venderti qualcosa richiedono un solo assenso
>a tutto il papiro, dati essenziali per la compravendita e assenso
>alla pubblicita' con la clausola che, dopo, potrai revocare la parte
>"pubblicita'", sono illegali?

Si

> Una revoca tardiva ti mette comunque al sicuro oppure c'e' il rischio
>che nel lasso di tempo necessario a completare la pratica, rientrare e
>revocare, i tuoi dati siano gia' in giro per il mondo?

Hai centrato il punto.
I siti che citi sopra, quando sono obbligato a frequentarli, a me
servono soprattutto per dare in pasto le mie spamtrap agli spammer;
insomma: uso alcuni miei indirizzi come il classico pezzetto di
formaggio nella trappola per topi.

> Grazie. Un saluto

Prego.

--
Lex Tutor
L'Asilo Infantile di Bofhland® è un argomento che sarà oggetto
di un libro di prossima pubblicazione, quindi sto discutendo
di una questione che mi interessa per finalità di ricerca
Lex Tutor 9 Set 2017 18:43
Da cosi' lontano, Jamie <jamie@bluesky.no> disse questo:

>Non so se hai letto il resto del thread,

Si, ho letto.

>di ******* formativi con i dipendenti per ribadire le corrette procedure.

Che non serviranno ad un ******* se il dipendente è in malafede perché
si è già rivenduto i tuoi dati (rectius: ricettato).

>Infatti il vero problema è che una volta che i dati cominciano a
>circolare sei fregato, aivoglia a cercare un colpevole. E' una lotta
>contro i mulini a vento :(

No. Non sai quanto ti sbagli.
Io da solo ho fatto MOLTISSIMO contro gli spammer in tutta itaGlia e
avevo calcolato, a suo tempo, che bastavano solo TRE
rompitestadi*****odispammer come me, me incluso, per stroncare
completamente il fenomeno in pochi mesi.
Sono sempre rimasto da solo.
Ergo: gli italioti sono una massa di ******* TUTTI, e questo gli
spammer e i ricettatori di dati personali lo sanno benissimo.

--
Lex Tutor
L'Asilo Infantile di Bofhland® è un argomento che sarà oggetto
di un libro di prossima pubblicazione, quindi sto discutendo
di una questione che mi interessa per finalità di ricerca

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La questione del diritto in Italia | Tutti i gruppi | it.diritto | Notizie e discussioni diritto | Diritto Mobile | Servizio di consultazione news.